Estinzione anticipata del mutuo: tipologie, caratteristiche e modalità di richiesta

0
172
estinzione anticipata mutuo

Estinzione anticipata del mutuo: tipologie, caratteristiche e modalità di richiesta

La durata di un mutuo, come abbiamo già avuto modo di vedere, è variabile a seconda della proposta della banca. Quello che però resta fermo è sempre valido è il fatto che il cliente si impegna a estinguere il finanziamento entro il termine stabilito in sede contrattuale.

Qualora invece questi riesca a trovare denaro a sufficienza per saldare il proprio debito prima del periodo di tempo prefissato, siamo di fronte a un’estinzione anticipata del mutuo, una situazione  che può prospettare diverse problematiche di tipo burocratico, nonché alcune eventuali penali da pagare all’istituto erogante il mutuo.

Per fare chiarezza al riguardo cercheremo di capire quali sono le principali forme di estinzione anticipata del mutuo e come funzionano, in modo tale da essere preparati e consapevoli nel caso in cui vogliate optare per questa soluzione.

Quali sono le tipologie di estinzione anticipata del mutuo previste per legge?

L’estinzione anticipata del mutuo in anticipo prevede di norma due tipologie di soluzioni:

  • l’estinzione anticipata parziale, che prevede di versare alla banca una somma in aggiunta alla rata del mutuo. Tale importo servirà ad abbassare la cifra totale da restituire alla banca, e l’eventuale penale sarà calcolata sull’importo estinto in anticipo;
  • l’estinzione anticipata totale, che prevede invece la liquidazione in un’unica tranche della cifra chiesta in prestito, comprensiva di interessi. In questo modo il cliente sarà totalmente svincolato dal contratto di mutuo con la banca.

Quali sono le principali differenze tra queste due formule?

L’estinzione anticipata totale del mutuo è una soluzione che si addice bene a chi dispone già della cifra precisa chiesta precedentemente a prestito, mentre quella parziale costituisce una via decisamente più abbordabile, che permette al mutuatario di modificare il piano d’ammortamento o la durata del mutuo.

In altre parole, con un’estinzione anticipata parziale del mutuo potrete scegliere di pagare sempre la stessa quota d’interessi, andando a diminuire però la cifra netta che dovrete restituire alla banca mediante uno o più versamenti, il che si traduce in una riduzione dell’importo della rata mensile.

Sulla quota di mutuo già restituita in anticipo la banca non potrà applicare alcun tipo d’interessi e dovrà procedere al ricalcolo del piano d’ammortamento sulla cifra che ancora dovrete restituirgli.

In alternativa potrete decidere di accorciare la durata del mutuo, pur mantenendo invariato l’importo della rata.

Quali penali sono previste nel caso restituiate la cifra anticipatamente?

La legge Bersani del 2007 ha previsto che per l’estinzione anticipata del mutuo stipulato da quell’anno in avanti non vi siano penali da pagare, mentre per tutti coloro che hanno stipulato un contratto prima del 2007 sono previste limitazioni sulle sanzioni applicate dalla banca.

Come si procede all’estinzione anticipata del mutuo?

Per richiedere l’estinzione anticipata del mutuo dovrete comunicare la vostra volontà mediante una raccomandata con ricevuta di ritorno, o presentare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà destinata alla banca, allegando i vostri documenti d’identità.

Una volta fatto questo, l’istituto stesso vi fornirà l’apposito modulo da compilare e procederà all’istruzione della pratica.

Una volta fatte le dovute verifiche, entro 30 giorni dall’estinzione riceverete i documenti che chiuderanno definitivamente il vostro contratto di mutuo con la banca.