Conti correnti business: come trovare le migliori soluzioni a zero spese

0
132

Il conto corrente rientra senza dubbio tra quegli strumenti necessari per la gestione di un’attività. Tutte le imprese con flussi finanziari superiori ai mille euro, hanno l’obbligo di avere un conto aziendale ma, al di là di questo, il conto business rappresenta una vera e propria esigenza per qualsiasi realtà produttiva.

I conti correnti business permettono ai titolari di accedere ad una serie di servizi e funzionalità specifici per la loro azienda. Tra conti tradizionali e conti online, le alternative disponibili sul mercato sono davvero numerose. Per scegliere la soluzione più completa e conveniente (magari a zero spese) è necessario sapere quali aspetti considerare e come individuare le migliori offerte.

Come scegliere i conti correnti business a zero spese

Tramite il loro conto business, le aziende possono eseguire tutte le più tipiche operazioni bancarie, ma possono anche accedere a strumenti di pagamento innovativi e gestire i flussi in entrata ed in uscita. Le banche hanno predisposto diverse soluzioni per le attività, creando piani ad hoc in base alle precise esigenze delle aziende.

Solitamente viene fissato un canone mensile che include un determinato numero di operazioni e permette di accedere a specifici servizi, ma esistono soluzioni a zero spese particolarmente valide. Scegliere un conto corrente business a zero spese non significa per forza rinunciare alla qualità del servizio, anzi. Ma bisogna chiarire il fatto che “zero spese” non è sempre sinonimo di “gratis”.

Solitamente i conti correnti business a zero spese si dividono in due categorie:

  • QQffffQuelli che azzerano i costi fissi, ovvero spese di apertura conto, spese di tenuta conto, imposta di bollo e così via.
  • Quelli che azzerano i costi variabili, che sono quelli legati all’operatività, come ad esempio le commissioni sui bonifici e sui prelievi.

Naturalmente il costo non è l’unico aspetto da prendere in considerazione quando si sceglie un conto per la propria azienda. La convenienza è importante, ma è altrettanto importante selezionare un conto che offra i servizi e le funzionalità di cui si ha realmente bisogno e che permetta si utilizzare tutti gli strumenti di pagamento che possono tornare utili.

Infine non bisogna trascurare la solidità dell’istituto di credito a cui ci si affida. Negli ultimi anni il numero delle banche raggiungibili è cresciuto enormemente, visto che agli istituti tradizionali si sono affiancati quelli che operano solo via web. La cosa migliore sarebbe optare per una banca che aderisce al Fondo di Garanzia di Tutela dei Depositi, in modo da stare tranquilli anche in caso di insolvenza della banca stessa.

Le caratteristiche di Qonto, strumento online per imprese e professionisti

Tra i conti correnti business online più interessanti c’è Qonto, un prodotto destinato alle startup, alle piccole e medie imprese ed ai liberi professionisti. In base al tipo di attività svolta è possibile scegliere tra tre diversi piani tariffari: in tutti i casi il canone comprende almeno una carta di debito One, un determinato numero di bonifici e gli strumenti per semplificare la contabilità. Inoltre, con Qonto il primo mese è gratuito così che gli utenti possano provare le diverse funzionalità di questo strumento prima di procedere alla sua completa attivazione.

Qonto Solo rappresenta l’offerta base, prevede un canone di 9 euro al mese, può essere gestito da un unico utente ed include una carta di debito e 100 bonifici in entrato o in uscita (quelli successivi si pagano 0,50 euro). Il Qonto Premium può essere gestito da un numero illimitato di utenti e nel canone di 29 euro al mese sono inclusi cinque carte di debito e 500 bonifici (quelli successivi hanno un costo di 0,25 euro).

C’è poi il Qonto Standard, che può essere gestito da cinque utenti: nel canone mensile di 99 euro sono incluse due carte di debito e 100 bonifici (per quelli successivi è prevista una commissione di 40 centesimi). Per nessuno dei tre piani sono previste spese di apertura conto.

L’imposta di bollo è pari a zero per le aziende, mentre ammonta a 34,20 euro per i professionisti che hanno giacenze superiori ai 5.000 euro. Il conto corrente business Qonto si può aprire solo online: bisogna collegarsi alla pagina qonto.eu/it, inserire il proprio indirizzo email e seguire la procedura utilizzando il codice di attivazione ricevuto alla mail indicata.

Durante la fase di apertura bisogna avere a portata di mano alcuni documenti, ovvero la carta di identità, il codice fiscale, la partita IVA e l’indicativo della ditta. Dopo aver fornito i documenti e le informazioni necessarie, si deve scegliere il piano più adatto ai propri bisogni. L’intera procedura, al termine della quale si ricevono l’IBAN e le credenziali di accesso, dura circa un quarto d’ora.